Situato sulla "punto G"

Situato sulla
Prof. Angelo Emmanuele Jannini, ricercatore presso l'Università dell'Aquila, ha gestito scientificamente individuare il "punto G" controverso, una zona interna della vagina è considerato fondamentale per l'orgasmo femminile. E spiega perché trovare questo è riuscito in molte donne: non tutti hanno. I dettagli della sua scoperta sono stati resi noti in un articolo pubblicato sull'ultimo numero del Journal of Sexual Medicine.
Per individuare questa area associata con piacere, Jannini uno strumento utilizzato in uso di routine di diagnostica ginecologica chiamato ecografia transvaginale. Così è stato possibile identificare una zona di tessuto più spesso in un piccolo tratto di parete che separa la vagina all'uretra. Dei venti volontari a cui ha esplorato durante la sua ricerca, nove hanno detto che avevano raggiunto in più di un'occasione l'orgasmo vaginale. E in questi tessuti nella zona individuata come punto G erano più spessa in undici rimanente.
Altri ricercatori hanno suggerito un'interpretazione diversa per questi dati. Ad esempio, Leonore Tiefer della New York University, ritiene possibile che le donne che soffrono di orgasmo vaginale hanno imparato a fare con la pratica, e che avrebbe alterato la loro anatomia, proprio come esercitare ogni muscolo del nostro corpo aumenta la sua dimensione.
In ogni caso, l'indagine di Jannini è un interessante esplorare la natura del femminile partenza orgasmo. "Finora nessuno aveva usato l'ecografia per indagare questo aspetto ancora così poco conosciuto dell'anatomia femminile, e questo è indicativo della arretratezza culturale che trascina sulla sessualità femminile", ha detto Jannini, aggiungendo che "sul punto G hanno sempre preferito un dibattito di opinione, non scienza ".
  0   0

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha