Rosetta si entra nella sospensione di attraversare lo spazio profondo

Rosetta si entra nella sospensione di attraversare lo spazio profondo
La sonda dell'ESA Rosetta ieri ha ricevuto l'ordine di andare in letargo. Da ora continuare a viaggiare con praticamente tutti fuori per le comete sistemi 67 / P Churyumov-Gerasimenko, che raggiungerà nel 2014. Ciò significa che nei prossimi 31 mesi tutti gli strumenti scientifici e praticamente tutti i sistemi di controllo la sonda rimarrà scollegata.
 In particolare, in questa fase rimane attivo solo il computer di bordo e diversi riscaldatori, che si accendono automaticamente per evitare il congelamento al satellite mentre si allontana da 660 a 790 milioni di chilometri dal sole. Come Rosetta di distanza dal Sole, i pannelli solari diventano meno energia, quindi se non si va in letargo non sarebbero sufficienti per la fornitura di tutti i sistemi di bordo.
 "Il comando viene inviato dall'antenna di 70 metri Deep Space Network della NASA a Canberra, in Australia, in grado di emettere il necessario per garantire che il segnale raggiunge Rosetta, è ora 549 milioni di chilometri di potenza Terra ", spiega Andrea Accomazzo, responsabile delle operazioni satellitari per l'ESA. "Rosetta continuerà ad ascoltare per qualche giorno con la ESA antenna 35m a New Norcia, Australia, nel caso in cui sorgano problemi. Se tutto va come previsto, non riceveremo alcun segnale fino al 2014. Rosetta e viaggiare a tutti il silenzio ", aggiunge.

Wake in programma


 Il 20 gennaio 2014 viene effettuato un timer riattivare il televisore. Rosetta quindi inviare un segnale verso la Terra confermando che diventi operativo. Da quel momento, il controllo della missione squadra inizia a riscaldare il televisore e ricollegare uno per uno tutti i suoi sottosistemi, la preparazione per l'appuntamento con la cometa 67-P nel luglio 2014.
 "La fase di letargo è essenziale per Rosetta raggiunge la sua destinazione finale. Tutta la squadra non vede l'ora al 2014, quando Rosetta sarà il primo satellite per studiare la 'vita' di una cometa mentre si avvicina al Sol ", ha detto Paolo Ferri, Capo della Divisione Operazioni di solare e missioni planetarie ESOC.
  0   0

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha