Dottrina sociale della Chiesa 02

I

Le fonti della dottrina sociale della Iglesia.-

I

"Le fonti della dottrina sociale sono Scrittura e gli insegnamenti dei Padri e dei grandi teologi della Chiesa e del Magistero". La DSI, quindi sostiene fondamentalmente "nella fede attraverso la quale la realtà dell'uomo è illuminata dalla luce della realtà di Cristo."

I

Il riferimento alle fonti fatte dal documento della Congregazione per l'Educazione Cattolica, porta immediatamente per trovare un parallelo nel testo della Dei Verbum Costituzione dogmatica sulla divina Rivelazione, come indicato nel 10 ° make-up del deposito Disclosure:

I

"Tradizione e Scrittura costituiscono il sacro deposito della parola di Dio, affidato alla Chiesa. Il compito di interpretare autenticamente la parola di Dio, orale o scritta, è stato affidato al solo Magistero vivo della Chiesa. "

I

Il parallelo tra i due testi mostra chiaramente il radicamento teologico che vogliono evidenziare i più recenti documenti della DSI, circa la propria costituzione epistemologica. Di conseguenza, la DSI si trova nel campo della teologia.

I

Scrittura è la fonte della DSI perché se il DSI vuole mostrare la luce e l'energia che la fede porta a costruire la città dell'uomo deve girare alla parola di Dio per illuminare là dalla realtà sociale, in quanto è in esso dove la storia della salvezza, la storia dell'incontro tra l'uomo e Dio, è contenuto in forma primaria.

I

L'appello dei padri della Chiesa come fonte permette DSI è solidamente basata sulla tradizione. Si tratta di scrittori ecclesiastici dell'antichità cristiana che soddisfano le condizioni ortodossia della dottrina e di santità di vita. In essi, "riguarda la giustizia e poveri sono molto evidenti e sono una ricca fonte di pensiero cristiano, in alcuni casi radicalità sorprendente"

I

Tuttavia, nel testo citato della Congregazione per l'Educazione Cattolica sulle fonti di DSI, "È possibile chiamare l'attenzione che nessuna parola sul diritto naturale non può dire quando è così, per esempio, Pio XII ha dichiarato che Leone XIII nella Rerum novarum, aveva fondato sia che, come in Apocalisse, doppia manifestazione di ordine immutabile voluto da Dio "

I

Inoltre, quando la stessa DSI sembra di recente per le distanze dalla posizione espressa nel magistero prima del Vaticano II, quando dice la presenza di "risorse di conoscenza e le scienze umane" in esso, e si avvale indicando solo le risorse strumentali della ragione, filosofia e scienza, e non più come prima di richiedere lo status di "DSI fonte di" diritto naturale.

I

Quando la Chiesa ha parlato del diritto naturale, ha fatto riferimento al "riconoscimento razionale del diritto naturale, come definito dalla Chiesa come la sua millenaria esperienza umana illuminata dal Vangelo". La questione si pone come un dato di fatto che l'uomo caduto può errare in questa conoscenza, anche gravemente, causando il pericolo di accettare elementi ideologici che usano concezioni umane del diritto naturale. Pertanto, non si può dire del diritto naturale che gli uomini di ogni età si sentono è giusto secondo natura.

I

In conclusione si può dedurre da quanto precede che la questione del diritto naturale come fonte di DSI è uno dei più difficili per lei, perché, da un lato, la Chiesa non può consacrare la ragione umana naturale né despise e molto difficile come in tutte le cose, trovare il giusto equilibrio.

I

Ci sarà anche affrontare questo punto più avanti quando si parla di spostamento epistemologico della DSI dal Concilio Vaticano II.

I

Il epistemologica, propria categoria della Dottrina Sociale della Iglesia.-

I

Affrontare il problema della struttura epistemologica della DSI dopo Siamo contenti di aver riferito alle loro fonti, si farà riferimento al tipo di conoscenza e gli elementi che lo compongono. In primo luogo, ci si riferisce al proprio DSI epistemologico, vale a dire la loro particolare prospettiva epistemologica: il rapporto in cui l'oggetto formale si avvicina al suo oggetto materiale.

I

L'oggetto materiale del DSI è costituito, da un lato, per gli atti e gli atteggiamenti delle persone di conseguenze sociali e, dall'altro, da parte delle istituzioni. Entrambi sono "problemi che sorgono nella vita della società". L'oggetto materiale della DSI ha ampliato il campo di applicazione in modo esplicito, dalla "questione operaia" in Rerum novarum, per coprire l'intero campo della pubblica sociale.

I

La materia è affrontato l'oggetto formale. "Alla luce della fede e della tradizione ecclesiale." La DSI come abbiamo sottolineato all'indirizzo sopra la questione delle sorgenti del DSI, appartiene al regno della teologia ", e specialmente della teologia morale."

I

In teologia morale, la DSI si distingue per la propria epistemologica, l'antropologia cristiana. La più specifica della DSI sta guardando la realtà dalla comprensione cristiana dell'uomo.

I

La loro conformità o difformità con l'insegnamento del Vangelo sull'uomo e sulla sua vocazione terrena e trascendente, il comportamento cristiano di conseguenza.

I

In coerenza con quanto sopra, possiamo dire che il posto molto epistemologica della DSI si trova nel dialogo tra la Chiesa e il mondo, è il rapporto tra il suo oggetto formale e il suo oggetto materiale, che "è la mediazione o strumento mediatore tra la verità del Vangelo sull'uomo e realtà sociale.

I

Pertanto, a causa di questa mediazione, la DSI occupa epistemologicamente una posizione intermedia in ordine razionale, tra la fede cristiana e le scienze sociali che studiano la realtà sociale empiricamente e nell'ordine di azione, tra morale e evangelico i programmi specifici di azione sociale.

I

Interdisciplinare dottrina sociale della Iglesia.-

I

Con approfondendo la questione della struttura epistemologica della DSI è indispensabile fare riferimento al suo dimensione interdisciplinare:

I

La dottrina sociale, inoltre, ha un'importante dimensione interdisciplinare. Per giocare sempre meglio, in diversi, l'unica verità economica e politica sociale, e in continua evoluzione dell'uomo, questo insegnamento entra in dialogo con le varie discipline che si occupano dell'uomo.

I

Questa dimensione interdisciplinare "determina ulteriormente oggetto formale come informa il suo stesso oggetto materiale, e anche in quanto quest'ultimo influisce sul primo." Nello stesso modo in cui la DSI, dal momento che segue le verità Rivelazione e elementi di valutazione e di discernimento ", è necessario un quadro solido filosofica e teologica", "dottrina sociale serve anche come i dati forniti dal scienze positive e particolarmente sociali "

I

Il richiamo di un discorso etico ecclesiale eccessivamente insistente sui grandi principi morali, il fatto che la DSI servirà come le scienze sociali dà realismo alla sua riflessione morale. Tuttavia, il ricorso alle scienze sociali come strumento, il DSI deve prima superare la difficoltà della complessità delle scienze sociali, allora il pericolo di manipolazione ideologica, come nell'applicazione acritica di elementi di scienze sociali corre il rischio di dare l'aggettivo analisi "scientifica" o "rigoroso" per esprimere solo alcuni interessi. Così dice la Congregazione per l'Educazione Cattolica quando ci si riferisce all'uso della DSI delle scienze positive:

I

L'appello di queste scienze richiede un attento giudizio, con tempestiva mediazione filosofica, perché possono rischiare di subire l'influenza di certe ideologie contrarie alla retta ragione, per la fede cristiana e, in ultima analisi, per i dati stessi di esperienza storica e la ricerca scientifica.

I

Dobbiamo aggiungere che, riconoscendo che affrontare i problemi che affliggono le soluzioni strutturali DSI sono durevoli, e che questi dovrebbero essere basate su un attento esame delle circostanze del passato e del presente, si scopre come un complemento insostituibile alle scienze sociali L'utilizzo delle scienze storiche. Una visione completa e oggettiva delle circostanze storiche in cui viene inserito il problema che cerca di affrontare la DSI, consegnare grandi luci.

I

Dimensioni della Dottrina Sociale della Iglesia.-

I

Quando strutturato, ISD è proiettata sugli aspetti etici della vita in modo che:

I

Sulla base di principi validi, porta "giudizi contingenti", come si è sviluppato in conformità con le circostanze mutevoli della storia ed essenzialmente finalizzato alla "azione o prassi cristiana".

I

Ecco perché se la DSI sostiene di possedere il proprio corpo dottrinale, non ritiene che, come detto in precedenza, in senso pieno sicuramente finire. Questo insegnamento sociale è stato arricchito con una lunga tradizione, ma rimane aperta ad un mondo che cambia.

I

La presenza contemporanea di DSI sempre validi principi, insieme con giudizi contingenti, rivela l'esistenza di tre dimensioni:

I

La dottrina sociale implica tre dimensioni, vale a dire: teorici, storici e pratici. Queste dimensioni costituiscono la sua struttura essenziale e sono correlati e inseparabili.

I

La dimensione teorica è costituita da principi teorici di radice teologica, morale o razionale, derivati ​​del Vangelo e della esperienza umana della Chiesa. La sua fondazione è l'antropologia cristiana, che sono strettamente legata ai principi di solidarietà e sussidiarietà. Questi principi sono alla base dei criteri di formulare giudizi su situazioni, strutture e sistemi sociali. Infine, i principi fondamentali e criteri di giudizio ispirano le linee guida per l'azione.

I

La dimensione storica è presente nel DSI come lei i documenti si trovano in riferimento a situazioni concrete storiche, e queste situazioni giudicano i loro principi di riflessione, criteri di giudizio e direttive. La dimensione storica è data, così come l'esperienza fondante e le questioni che ne derivano, per l'asse di rilettura della stessa Tradizione vivente, inclusi precedente Magistero sociale. Fanno parte di questa mediazione dimensione storica delle scienze umane e sociali per conoscere la realtà.

I

La DSI ha una dimensione pratica, perché è diretto dal suo fine di guidare l'azione umana. La strada verso la prassi non è solo deduttiva e l'applicazione sillogistica della dottrina, perché "il passaggio dalla dottrinale agli elementi pratici di tipo coinvolge culturale, sociale, economica e politica." Il passaggio dal teorico alle esigenze pratiche della mediazione di razionalità pratica, applicando i principi della DSI sotto la direzione dei valori derivati ​​dal concetto di cristiana. Sulla strada per la pratica, l'ermeneutica razionalità pratica occupa un mediatore tra l'etica cristiana e la pratica razionalità strumentale.

I

Di conseguenza, le tre dimensioni sostanzialmente costituente di questa forma precedentemente sviluppato struttura DSI essere, si può dire che sono legati modo epistemologicamente circolare. Ciò significa che la dimensione teorica interseca con le altre due dimensioni, e le derivazioni storiche pratica. "Qui c'è una circolarità tra pensiero e azione, espíteme e pratica". La dimensione teorica è un organo comune dottrina, ma aperto a nuove situazioni storiche, in interazione con loro a seguito della quale può essere anche una riformulazione teorica; quindi la dimensione teorica interagisce con la pratica. Non dimenticate che l'intenzione ultima della DSI è pratico; Pertanto, la dimensione pratica comprende le precedenti due dimensioni, cerca di applicare la teoria, e riceve la dimensione storica. A sua volta, così come formulata, la dimensione pratica dovrebbe essere storica, quindi si chiude cerchio, la dimensione pratica è storico.

  0   0

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha